Come fotografare l’eclissi di Luna

0
14
Come fotografare l’eclissi di Luna


Da buon appassionato di fotografia quale sei, non puoi perderti la prossima eclissi lunare e vorresti provare a fotografare questo evento astronomico utilizzando la tua Reflex. Non avendo mai scattato foto in contesti del genere, però, ti farebbe piacere avere qualche suggerimento su quali obiettivi utilizzare, come preparare l’attrezzatura e quali parametri di scatto scegliere per realizzare un lavoro di qualità. Se le cose stanno effettivamente così, sappi che sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Nella prima parte di questa guida, infatti, ti spiegherò come fotografare l’eclissi di Luna utilizzando la Reflex, mentre nella seconda parte ti fornirò qualche “dritta” che ti tornerà utile nel caso tu abbia a disposizione soltanto il tuo smartphone. In quest’ultimo caso, però, ti avviso che non potrai ottenere chissà quali risultati. Per quanto avanzati, infatti, i telefonini non permettono ancora di ottenere fotografie di qualità in contesti quali l’eclissi di Luna.

Detto questo, passiamo all’azione. Coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, attua le “dritte” che ti darò. Sono sicuro che, seguendo in maniera attenta e scrupolosa le mie indicazioni, alla fine riuscirai a ottenere delle foto fantastiche. Ti auguro una buona lettura e, soprattutto, un buon divertimento!

Indice

Fotografare l’elissi di Luna con la Reflex

Per riuscire a fotografare l’eclissi di Luna con la Reflex devi giocare d’anticipo e disporre tutta l’attrezzatura di cui hai bisogno nel luogo in cui ti posizionerai per scattare le foto. In questa fase di preparazione, occorre non solo scegliere quale obiettivo utilizzare e quali parametri di scatto impostare per ottenere un risultato finale apprezzabile, ma anche scegliere con molta cura il luogo in cui recarsi per immortalare la Luna.

Scegliere l’obiettivo più adatto

Prima di preparare tutto l’occorrente e partire verso la location dalla quale scatterai la foto, devi scegliere l’obiettivo più adatto per fotografare l’eclissi lunare. Se vuoi fotografare la Luna da “vicino”, così da catturare anche i dettagli del satellite, sarebbe consigliabile optare per un teleobiettivo, quindi un’ottica che abbia una lunghezza focale piuttosto spinta, preferibilmente da 300 mm in su.

Se, invece, vuoi semplicemente “incastonare” la Luna all’interno di un paesaggio, puoi tranquillamente utilizzare un obiettivo grandangolare, con una lunghezza focale inferiore a 35 mm. Se in questo momento non hai l’obiettivo che vorresti utilizzare per fotografare l’eclissi lunare, puoi sempre acquistarne uno nei negozi di elettronica o su un negozio online, come Amazon.

Canon EF 400 mm / 5.6 L USM – Obiettivo tele, 77 mm

Amazon.it: 1.306,76 €Vedi offerta su Amazon

Canon Obiettivo Pancake EF-S 24 mm F/2.8 STM, Nero/Antracite

Amazon.it: 194,99 € 167,60 €Vedi offerta su Amazon

Nikon Obiettivo Nikkor AF-S DX 35 mm 1:1,8G, Nero [Versione EU]

Amazon.it: 249,00 € 184,90 €Vedi offerta su Amazon

Sony SAL55300 Teleobiettivo con zoom DT 55-300 mm F4.5-5.6 SAM, Nero

Amazon.it: 380,00 € 340,99 €Vedi offerta su Amazon

Per maggiori informazioni su quale obiettivo acquistare, dai un’occhiata alla guida all’acquisto che ti ho linkato. Sono sicuro che ti aiuterà molto nella tua scelta.

Preparare l’attrezzatura prima dell’eclissi lunare

Se vuoi assicurarti di riuscire a immortalare la prossima eclissi di Luna, devi preparare in anticipo tutta l’attrezzatura di cui avrai bisogno. Ciò significa che non solo devi mettere nella tua borsa la macchina fotografica, l’obiettivo che hai scelto, una batteria, una scheda SD di “scorta” e il treppiede, ma anche sapere esattamente dove dovrai recarti.

Ti consiglio di non sottovalutare questo aspetto e di scegliere un luogo dove ci sia un livello di inquinamento luminoso piuttosto basso (come minimo devi recarti fuori città), assicurandoti anche che le condizioni meteo siano tali da permetterti di scattare buone foto (devi evitare zone coperte dalle nuvole e/o dalla nebbia).

Una volta che avrai individuato il luogo più adatto per scattare le foto durante l’eclissi lunare, devi recarti lì e predisporre tutta l’attrezzatura necessaria. Per prima cosa, monta l’obiettivo che hai scelto sulla Reflex (se non l’hai già fatto) e poi assicura la macchina fotografica al treppiede. Se sai già in quale punto del cielo sarà visibile la Luna, magari perché ti sei documentato su Internet o hai utilizzato un’app per guardare il cielo, puoi anche ruotare la macchina fotografica nella posizione in cui sarà presente la Luna e accertarti che non ci siano elementi che possano disturbare la visuale. Fatto anche questo, puoi passare allo step successivo.

Impostare i parametri di scatto corretti

Ora è giunto il momento di scegliere i parametri di scatto corretti, grazie ai quali potrai ottenere il miglior risultato possibile, in base alla Reflex e all’obiettivo in tuo possesso. Se stai utilizzando un teleobiettivo (es. un 75-300 mm), ti consiglio di impostare l’apertura del diaframma a un valore compreso tra f/8 ed f/11, il valore ISO a 100-200 e il tempo di scatto compreso tra 1 e 5 secondi.

Se non hai a disposizione un teleobiettivo, puoi provare a ottenere risultati ottimali utilizzando anche una configurazione grandangolo. In questo caso, bisogna avere a disposizione un obiettivo che abbia una lunghezza focale di 35 mm o anche meno (su APS-C bisogna utilizzarne uno da 14-18 mm, tenendo conto del fattore di crop della propria macchina fotografica), impostare un valore ISO che sia compreso tra 200400, e utilizzare la massima apertura del diaframma possibile (es. f/1.8; f/2, etc.).

Per quanto riguarda il tempo di scatto, bisogna impostare un valore compreso fra 5 e 30 secondi al massimo: ti suggerisco di non andare oltre i 30 secondi perché altrimenti la Luna verrà mossa (visto il suo naturale movimento intorno alla Terra). Trattandosi di una foto grandangolare, presta anche molta attenzione alla composizione della foto, cercando di far risaltare la Luna all’interno dello scatto (una buona idea potrebbe essere quella di usare la regola dei terzi, inserendo il soggetto dello scatto, in questo caso la Luna, esattamente in uno dei punti di intersezione di una griglia immaginaria composta da due linee verticali e due linee orizzontali, come spiegato anche su Wikipedia).

Se hai difficoltà a usare la Reflex, lascia che ti spieghi brevemente come impostare i parametri che ti ho indicato poc’anzi. Tanto per cominciare, accendi la tua macchina fotografica spostando su ON la levetta dell’interruttore posta sul corpo macchina. Dopodiché ruota la ghiera di selezione e scegli la modalità manuale spostando la lettera in corrispondenza del trattino. Ora devi impostare i parametri di scatto che ti ho indicato nelle righe precedenti (in base all’obiettivo in tuo possesso) utilizzando i pulsanti e i menu disponibili sulla tua macchina fotografica.

Sulla Reflex in mio possesso (Canon EOS 1300D), per modificare l’apertura del diaframma bisogna pigiare sul pulsante Av/+–, poi poggiare l’indice sulla ghiera principale (la “rotellina” dentata situata vicino al pulsante di scatto) e spostarla verso sinistra o destra (in base al valore che si vuole scegliere). Per quanto riguarda l’ISO, nel mio caso bisogna premere il pulsante ISO sul corpo macchina, spostarsi con la ghiera principale sul valore che si vuole utilizzare (es. 200, etc.) e confermare l’operazione pigiando sul bottone SET.

Per scattare la foto, poi, in teoria dovresti premere il pulsante di scatto. Per ottenere un risultato ottimale, però, ti suggerisco di utilizzare un pulsante per lo scatto da remoto oppure di ritardare lo scatto per un paio di secondi. Così facendo, eviterai che le vibrazioni della tua mano, per quanto possano sembrare impercettibili, rovinino la foto.

Fotografare l’eclissi di Luna con lo smartphone

Fotografare l’eclissi di Luna con lo smartphone non è un’impresa facile, ci tengo a dirtelo fin da subito. Innanzitutto bisogna partire dal presupposto che con uno smartphone è impossibile immortalare la Luna nel dettaglio, per ovvie carenze tecniche della fotocamera montata sullo stesso. Inoltre bisogna disporre di un dispositivo che abbia una fotocamera sufficientemente luminosa (quindi con un’apertura del diaframma piuttosto alta, ad esempio f/1.8 o f/2), altrimenti gli scatti risulteranno inevitabilmente sottoesposti.

Anche in questo caso vale quanto ti ho detto nel capitolo precedente (nel punto in cui parlavo degli obiettivi grandangolari). Non potendo riprendere la Luna da “vicino”, bisogna sforzarsi di comporre la foto, magari usando la regola dei terzi, in modo tale da farla risaltare all’interno dello scatto.

Un altro accorgimento che ti invito a prestare attenzione è quello di disattivare il flash, in quanto la luce riprodotta da quest’ultimo potrebbe “disturbare” la luce naturale generata dalla Luna, rovinando irrimediabilmente lo scatto.

Per disattivare il flash su uno smartphone Android, basta pigiare sull’icona del fulmine, che solitamente è posta in alto a destra o in alto a sinistra, e poi fare tap sulla voce OFF o Disattiva (dipende dalla versione di Android installata e dalla marca/modello di smartphone in tuo possesso). Su iPhone, invece, pigia sull’icona del fulmine posta in alto a sinistra e fai tap sulla voce No dal menu che si apre.

Una volta che hai disattivato il flash, non ti resta che comporre l’immagine seguendo le indicazioni che ti ho dato prima e scattare la foto pigiando sul pulsante di scatto posto al centro dello schermo. Se vuoi avere qualche “dritta” su come fare buone foto con lo smartphone, leggi pure l’approfondimento che ti ho linkato: potrebbe sempre tornarti utile.



Fonte e proprietario dell’articolo Aranzulla.it

Tutti i testi, i marchi, loghi, sigle, brand, le immagini e Trade Mark riportati nel sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini segue le norme del fair use, per qualsiasi problema vi preghiamo di contattarci e verranno rimosse.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica.